Recensione del libro “Quelle che… il calcio”.

di Kristina Aliberti

Un pensiero sul libro di Milena Bertolini e Domenico Savino.

Essendo un’appassionata di sport e praticando io stessa uno sport prevalentemente maschile, leggere questo libro è stato per me molto interessante. Il libro è strutturato in brevi capitoli, ognuno dei quali racconta la storia di una delle ragazze della Nazionale e delle donne che l’hanno resa grande. Questo permette di leggere anche poco, se non si ha tempo, senza perdere il filo. Continua a leggere “Recensione del libro “Quelle che… il calcio”.”

condividi:

Settembre: come ricominciare?

di Kristina Aliberti

Come vivo settembre? Mi sono svegliata stamattina guardando la data di oggi, 2 settembre, mi è preso quasi un colpo. Mi pareva il momento giusto per cominciare a riflettere sul come ricominciare. Ho steso la lista degli obiettivi da raggiungere, degli impegni da rispettare e delle scadenze da portare a termine e mi sono sentita pervasa da una certa ansia per tutte quelle cose da fare. Continua a leggere “Settembre: come ricominciare?”

condividi:

Phubbing, quando l’amante è il telefono.

di Kristina Aliberti

Nel 2012 l’università di Sidney conia ufficialmente il termine “phubbing”, che si è poi diffuso in tutto il mondo. Ma cosa vuol dire phubbing? Questa strana parola è data dall’associazione di due parole: phone e snubbing (snobbare) e, come si può già intuire, significa snobbare qualcuno attraverso l’uso del cellulare. Più in generale il phubbing consiste nell’azione di usare il telefono o un’altra apparecchiatura tecnologica mentre si è insieme con una o più persone, magari mentre si sta parlando o mangiando, facendo sentire così l’altra persona poco interessante agli occhi di chi controlla sempre il cellulare. Questo comportamento, che sono sicura ognuno di noi abbia avuto almeno una volta nella vita, anche senza farlo apposta, va a ledere la qualità delle relazioni in maniera anche significativa. Che sia una relazione amorosa, fra amici, con la famiglia o tra colleghi, il phubbing è come un veleno che si insinua piano piano, finché, se non si usa l’antidoto, uccide. Continua a leggere “Phubbing, quando l’amante è il telefono.”

condividi:

Bodypositive, bodyconfidence, love yourself… Spieghiamoci meglio.

di Kristina Aliberti

Negli ultimi anni ognuno di noi almeno una volta ha sentito queste parole, ultimamente infatti c’è la voglia da parte delle donne di far fiorire la propria bellezza naturale, senza nascondersi. Già perché per anni le donne si sono sentite legate a un canone di bellezza, da sempre. Canoni che negli anni sono cambiati, fino a diventare addirittura opposti rispetto a quelli di tanto tempo fa. Negli anni ‘60 la donna doveva essere formosa, con delle belle curve, mentre negli anni ‘80 più era asciutta e meglio era, adesso sinceramente faccio fatica a capirlo, ma sembrerebbe magra e con un lato B abbastanza prosperoso. Però quello che non va bene è che si è sempre legati a un canone e non ci si azzecca mai, sì perché anche se rientri nel canone dopo non vai bene perché magari sei troppo finta… Già, non è facile. Ma la domanda che mi sorge spontanea è: perché non essere semplicemente quello che siamo e quello che vogliamo essere? Non è facile, perché si vuole sempre essere accettati dagli altri, ma la vera sfida secondo me non è essere accettati dagli altri, ma da se stessi. Continua a leggere “Bodypositive, bodyconfidence, love yourself… Spieghiamoci meglio.”

condividi:

Donne e pallone – anche il calcio si tinge di rosa.

di Kristina Aliberti

Il mondiale di calcio femminile 2019 ha rappresentato una grande rivincita degli sport cosiddetti maschili ma praticati dalle donne. Cosa ha significato la nostra bellissima squadra allenata da Milena Bertolini per il calcio femminile italiano? Come è cambiata la percezione da parte degli italiani e soprattutto da parte delle donne verso il calcio femminile?

Continua a leggere “Donne e pallone – anche il calcio si tinge di rosa.”

condividi:

Karate: cosa c’è dietro al kimono e alla cintura.

di Kristina Aliberti

Quando sentiamo parlare di karate ci vengono subito in mente i famosissimi film della serie “Karate Kid”, i super maestri giapponesi e gente che spacca tavolette, ecco l’ultimo è uno stereotipo al giorno d’oggi, ma davvero pochi conoscono che cosa sia davvero questa arte marziale. Scrivo questo articolo da praticante, agonista e vera appassionata di karate, cercando di trasmettere almeno un briciolo della passione che nutro verso questa arte marziale, nella speranza di suscitare la vostra curiosità. Vorrei partire dicendo che chiunque, davvero chiunque, può praticare karate, a qualsiasi età, con qualsiasi interesse e obiettivo in testa: da chi vuole imparare a difendersi a chi vuole diventare campione del mondo. Continua a leggere “Karate: cosa c’è dietro al kimono e alla cintura.”

condividi:

Riflessione per l’estate: voglio fare qualcosa di utile.

di Kristina Aliberti

Recentemente ho fatto questa riflessione, cioè che ognuno di noi vuole fare qualcosa di bello della propria vita ed essere felice. Quante volte ci ripetiamo la frase “voglio fare qualcosa di utile della mia vita”? Ma soprattutto, quante volte non lo facciamo mai? E domanda ancora più importante: cosa vuol dire “utile alla propria vita”? Soprattutto nella società odierna, ma sono convinta anche prima, l’uomo non fa mai niente per niente. Ogni cosa deve essere utile a qualcosa. Ogni azione deve portare dei frutti e se non ne porta vuol dire che tale azione è da eliminare. È una cosa positiva o negativa?

Continua a leggere “Riflessione per l’estate: voglio fare qualcosa di utile.”

condividi:

Recensione del libro “The Miracle Morning” di Hal Elrod

di Kristina Aliberti

Un pomeriggio vagavo distrattamente su Instagram e mi sono imbattuta in una pagina che riassumeva in un post il contenuto fondamentale di “The Miracle Morning”, ovvero svegliarsi presto per dedicare del tempo a coltivare una vita da 10 e lode. Dato che non ho mai amato la sveglia, mi sono incuriosita e ho cercato il libro su Google. Dopo aver letto l’anteprima, rimasi subito molto colpita. Riassumendo in breve, Hal Elrod, autore del libro, parte dal presupposto che per avere una vita da 10 e lode, anche lo spirito dev’essere da 10 e lode, e spesso, tra tutti gli impegni giornalieri, non si riesce a dedicare molto tempo all’accrescimento personale, quindi il momento migliore è proprio la mattina. Continua a leggere “Recensione del libro “The Miracle Morning” di Hal Elrod”

condividi:

SONO METAL E SONO LESBICA

di Anna Francesca Vallone

Sono M., ho 16 anni.

Perché hai deciso di farti intervistare?

Perché ho letto il tuo libro. Mi ha coinvolta, è un libro che mi riguarda perché mi rivedo in Bianca. Ho provato le stesse cose che ha provato lei, così non mi sono sentita sola.  Pensavo che potessi capirmi, visto che lo hai scritto.

In cosa ti piacerebbe che ti capissi?

Sulla questione ragazze.

Continua a leggere “SONO METAL E SONO LESBICA”

condividi:

Uscire dal tunnel – storia di Francesca.

di Kristina Aliberti 

Francesca è una ragazza di 19 anni che è uscita da un vortice che la stava risucchiando e che la stava portando via dal resto del mondo: l’anoressia. Prima di scrivere l’intervista vorrei dire che l’anoressia non è un capriccio, non è un problema stupido. L’anoressia è una vera e propria malattia mentale che ha degli effetti devastanti su mente, corpo e psiche. Uscirne è possibile, certo è difficile, ma essenziale.

Continua a leggere “Uscire dal tunnel – storia di Francesca.”

condividi: