Come sono eccitanti gli uomini che ci spezzano il cuore – Dianella Bardelli

Lenore Kandel, la musa dell’amore hippy

 

 

Lenore Kandel è una figura tutta da scoprire per il pubblico italiano. Il suo libro di poesie The Love Book provocò un terremoto nell’America degli anni Sessanta. Lenore fu tra le protagoniste della Summer of Love di San Francisco nel 1967: la stagione che avrebbe dovuto cambiare il mondo.
Bellezza carismatica, forme rotonde e sensuali, un carattere forte e sereno, Lenore si legò a Bill, un membro della banda degli “Hell’s Angels”. Proprio dal loro incontro comincia questa biografia romanzata, che trova una improvvisa, drammatica svolta nell’incidente in moto della coppia, da cui Lenore uscirà menomata e reclusa in casa per il resto della vita.
Al centro di tutto resta The Love Book, un inno all’eros fra i più espliciti e totali che siano mai stati scritti. Sono passati cinquant’anni e più: ma la sua forza esplosiva, la sua quasi divina energia sensuale scuoteranno ancora le lettrici e i lettori di oggi.

 

Daniela Bardelli ha pubblicato vari romanzi. L’ultimo, nel 2018, dal titolo 1968 , è dedicato alla Bologna di quell’anno. Ha insegnato Lettere e scrittura creativa.

condividi:

Tutto in me è amore – Piero e Ada Gobetti

Lettere 1918 – 1926

Un epistolario d’amore esemplare tra passione e ragione.

 

 

Com’è meraviglioso questo amore: così grande, così vario e pur sempre uno solo, mai provato da nessuno, mai vissuto…

Fra i grandi epistolari d’amore della letteratura, quello fra Piero e Ada Gobetti può rivendicare a pieno diritto un suo specialissimo posto. Si potrebbe quasi leggere come un romanzo, con personaggi pienamente novecenteschi modellati dai sentimenti in una trama universale.
È la testimonianza di “un incontro di anime”, fortunato quant’altri mai, in cui ragione e sentimento si riconoscono fulmineamente, e insieme crescono per intensità e profondità.

Accanto all’epistolario di Rilke e Lou Salomé, Kafka e Milena, Sartre e la Beauvoir, si collocano le Lettere di Piero e Ada Gobetti, raccolte nel libro Tutto in me è amore.

 

«È vero che anch’io ho guardato la luna quella sera, come la guardo ogni sera, pensando quando c’eri anche tu.
E la vita allora mi pare una cosa infinitamente sacra, qualche cosa di puro e di misterioso come una di queste notti divine».

 

 

 

Piero Gobetti (Torino, 1901 – Neuilly-sur- Seine, 1926). Frequenta il liceo classico “Vincenzo Gioberti” di Torino, dove conosce la sua futura moglie Ada Prospero. Nel 1922 dà vita a «La Rivoluzione Liberale», incentrata su ricerche storiche e di politica militante. Aggredito da un gruppo di squadristi, si reca in esilio a Parigi, dove muore il 15 febbraio 1926, per le conseguenze delle violenze subìte.

Ada Gobetti nata Prospero (Torino, 1902-1968), ancora studentessa dà il suo contributo alle riviste «Energie Nove» e «La Rivoluzione Liberale» di Piero Gobetti, con il quale si sposa nel 1923. Partecipa attivamente alla Resistenza. Dopo la Liberazione è la prima donna a venire nominata vicesindaco di Torino.

condividi:

Fate l’amore – Alda Merini con Cosimo Damiano Damato

Alda Dante Rock

A undici anni dalla sua scomparsa, la poetessa candidata al Nobel rivive grazie al dono delle sue stesse parole raccolte da Cosimo Damiano Damato nella loro lunga conversazione poetica e sentimentale.

 

 

«Ma tu ogni volta che hai aperto un libro
hai baciato in fronte il poeta.
E questo non lo sa nessuno».

Alda Merini

 

Cercate una libreria che sappia cancellare il tempo e fissare un punto, fra l’uomo o la donna che siete oggi e il bambino o la bambina di ieri rivelando uno dei verbi all’infinito più poetico, vitale, necessario. Salvifico, urgente, terapeutico, rivoluzionario, resistente, resiliente, civile.
Il verbo leggere.
Un’azione all’infinito che inciampa nella poesia e vi offre l’occasione di guardare la vita come un cielo chiaro di stelle sopra di voi.

Cosimo Damiano Damato

 

“In molti mi chiedono «Com’era Alda Merini?» Alda era umile, gioiosa, tragica, violata, scarnificata, versata, spinta, sospinta, dipinta, amata, cantata. Decantata, celebrata, abbandonata, toccata, strappata, iniettata, evocata, tramandata, copiata, sposata, scambiata, rinnegata, sognata, fotografata, eternata, popolare, sfrattata, perduta, ritrovata.
Alda, per sempre amata.”

“Cosimo, io e te siamo amici di pietà nascoste”.
È una corrispondenza d’amorosi sensi quella intrattenuta tra Alda Merini e Cosimo Damiano Damato, un dialogo privato che trasuda dolore ma che rivela l’anima più segreta e nascosta della poetessa dei Navigli. È così che nasce Fate l’amore, il libro in cui la Merini si abbandona ad un racconto di sé puro ed elegiaco, mettendo a nudo la propria anima, mostrando la sua sapienza antica e il suo candore. La poetica, la filosofia, la genialità della poetessa viene raccontata grazie a un canovaccio che affronta i temi del dono della poesia, del misticismo, della seduzione, della musica, un dialogo che diviene confidenza, afflato dell’anima, laddove si parla del dolore, delle brutture del manicomio, della follia riversata a piene mani nella poesia, del mistero di Cristo e della passione. Infine non dimentica gli uomini che ha amato come Manganelli, i ricordi della guerra, e regala ai lettori i due ritratti di Pasolini e Quasimodo.
Fate l’amore esce in occasione dell’undicesimo anniversario della scomparsa di Alda Merini, il 1 novembre, insieme allo spettacolo Fate l’amore (Alda Dante Rock) – Recital per Alda Merini”, in occasione del Festival del Cinema Europeo, con lo stesso Damato come voce narrante, Violante Placido come voce recitante, Erica Mou canzoni dal vivo e Riviera Lazeri al violoncello.

«È la poesia che ci salva. Lasciatevi parlare da Alda, lasciate che il suo rossetto sconfini sulla vostra bocca, non vergognatevi della poesia. Cercate quel verso che manca alla vostra vita. Cercate quel verso sull’albero che avete piantato o in una foglia rossa prima di morire. Cercate quel verso mancante in un libro trovato a poche lire sul banco nostalgia. Cercate quel verso in una notte di veglia per chi è partito senza preavviso, nella lettera scritta a penna ricevuta da una guerra. La poesia come i sogni arriva sempre dal mare con il vento contrario. Cercate quel verso mancante e fate l’amore». 
Cosimo Damiano Damato

 

 

Cosimo Damiano Damato, è nato a Margherita di Savoia nel 1973. La Cineteca Nazionale gli ha dedicato la retrospettiva “Cosimo Damiano Damato: Visioni, fantasie, sogni, rivoluzioni, poesie e follie”. Poeta, drammaturgo, sceneggiatore e regista, per Feltrinelli ha scritto con Erri De Luca il graphic novel “L’ora X, una storia di Lotta Continua”. Il suo ultimo film è “Prima che il Gallo canti – il Vangelo secondo Andrea”, e fra i film che ha diretto ricordiamo: il cartoon “La luna nel deserto”, scritto con Raffaele Nigro e con le voci di Violante e Michele Placido e Renzo Arbore, definito da Vincenzo Mollica “un film poetico che tocca e sconquassa il cuore”, “Una donna sul palcoscenico” con Alda Merini e Mariangela Melato presentato al Festival di Venezia alle Giornate degli Autori. Per il teatro ha scritto e diretto lo spettacolo musicale “Il bene mio” con Lucio Dalla e Marco Alemanno. Documentarista apprezzato ha raccontato al cinema la vita dei grandi artisti italiani del ’900 fra cui Arnoldo Foà in “Io sono il teatro”, Tonino Guerra in “Os-cia-la bellezza, Ottavio Missoni in “Missoni Swing”. Fra i riconoscimenti il Premio Matteo Salvatore, Premio Palmi Sud del Mondo e Roma VideoClip. Come poeta ha pubblicato la trilogia dell’amore e delle inquietudini: La quinta stagione con prefazione di Erri De Luca (Aliberti), L’ultima sequenza di un film di Jarmusch e Leonard Cohen è tornato (Dante & Descartes) con prefazione di Alessandro Haber.

condividi:

Pelle su pelle – Lucia Sammiceli

Trilogia Pelle su pelle

 

 

Esmeralda è una ragazza maliziosa, allegra ma soprattutto perversa, a suo modo. Nell’intimità è infinitamente fantasiosa e spinta, ama immedesimarsi in diversi ruoli sessuali e sa rendersi particolarmente provocante, mentre la bambina che è in lei fa capolino, a letto come nella vita di tutti i giorni. Luca è un play boy dannatamente pervertito, allergico alle responsabilità, pronto a tutto pur di provare l’emozione del proibito.

Continua a leggere “Pelle su pelle – Lucia Sammiceli”

condividi:

Wonderwall – Elisabetta Bozzoli

Trilogia Wonderwall

 

 

La vita di Emma è perfetta: un buon lavoro, un appartamento a New York, un adorabile gatto e degli amici fantastici. Le relazioni sentimentali? Non fanno per lei, troppe complicazioni per un cuore già danneggiato. L’incontro con William non è certamente tra i più romantici ma cambierà la sua vita e le farà riscoprire la voglia di amare e essere amata.

 

 

A New York per Emma e Will è arrivato il momento di affrontare i rispettivi fantasmi, di svelare segreti e prendere una decisione: andare avanti lungo la dissestata strada dell’amore, sospinti dal vento della passione, oppure Affrontare i sentimenti è un passo di per sé complicato, ma sulla strada della loro felicità si accalcano tanti, troppi imprevisti…

 

 

Will è tornato, Emma non riesce a crederci.Cos’è successo, dove sei stato, posso fidarmi di te?Le domande e l’incredulità si accavallano nella sua mente e si mescolano inestricabilmente a quel crescente sentimento di calore molto simile all’amore. È davvero possibile che l’amore e la passione possano finalmente trionfare tra i grattacieli di una romantica New York?

 

 

Elisabetta Bozzoli è un’emiliana doc, ama la vita semplice e tranquilla che regala la provincia. È una lettrice appassionata e irrefrenabile. Scrive le sue storie di getto senza l’ansia del cursore lampeggiante. Ha partecipato al concorso letterario “Donne, Stop alla violenza…scriviamone!” indetto da “Equilibra”. Il suo racconto “L’arte di farsi massacrare” è presente nella raccolta “Scriviamo un’altra storia”.

condividi:

L’amore che non ti meriti

Il racconto di un prigionia sentimentale. Dall’incubo alla liberazione

di Redazione 

un libro di Antonella Mattioli

Cosa significa amare un narcisista patologico? Come uscire da un rapporto così malato? La storia personale che Antonella Mattioli ha raccontato a Massimo Gramellini e Ambra Angiolini nella trasmissione Cyrano. 

Continua a leggere “L’amore che non ti meriti”

condividi: